L’economia verde è il punto di partenza per imprese e attività che vogliono davvero rendere lo sviluppo sostenibile post covid-19.

La pandemia ha trasformato le nostre città in città fantasma, svuotandole della loro vitalità. Oltre alle difficoltà sanitarie, ora emergono le tragicità di “contorno” del virus. Una fra queste è il crollo del consumo di energia, di elettricità e combustibili come benzina e gasolio. Ma siamo sicuri che questo sia un aspetto negativo?

Il coronavirus ha trasformato la prospettiva delle cose, ha ridotto l’inquinamento e le emissioni di gas serra grazie allo stop delle attività. In poche settimane di lockdown il prezzo della CO2 è sceso del 50%. Quello del petrolio e del carbone del 40%.

Cambiare si può

E allora perchè non ripartire mantenendo l’aria pulita?

Perchè non approfittare di questa condizione, di cui avere cura, adottando misure green in aziende e a casa? È questa la nuova sfida da affrontare. Abbiamo capito che il pianeta ha bisogno dell’aiuto dell’uomo, ed è arrivato il momento di rispondergli in modo forte e chiaro. 

Tornare a crescere e a produrre, salvaguardando la salute del pianeta si può. Ecco che arriviamo alla parola chiave tanto attesa: la green economy. 

Il climate change è, ormai da anni, un problema concreto così come possono essere concreti gli obiettivi stabiliti nel green deal: l’Europa sarà il primo continente al mondo ad impatto climatico zero entro il 2050.

Darsi degli obiettivi

Dobbiamo darci degli obiettivi per raggiungerli realmente. Un nuovo modello energetico, l’uscita dalle fonti fossili, una strategia di adattamento e rigenerazione che parte dalle città e coinvolge le aree interne, la tutela delle foreste e del suolo, la riduzione del rischio idrogeologico per rispondere all’emergenza siccità, interventi di riqualificazione in chiave energetica e sismica per l’edilizia, una nuova agricoltura sostenibile, una mobilità sostenibile a zero emissioni, senza dimenticare una concreta riconversione industriale ed economica a favore del paradigma circolare.

Ci riusciremo davvero? Probabilmente si. A piccoli passi, tutti insieme, a partire da ora.